lunedì 11 febbraio 2013

E' allerta “Big Snow” Pronta a intervenire la Protezione civile

Attesa la peggiore perturbazione dell’inverno. In tutto il Piemonte attivate 15 mila persone

LUCA BILARDO

Poco più di ventiquattro ore di neve, con la fase critica che sarà nel pomeriggio di oggi. È massima allerta anche in Piemonte per la perturbazione che dovrebbe portare la più abbondante nevicata della stagione. Le zone maggiormente colpite, con precipitazioni che potrebbero raggiungere i 30 centimetri, saranno il Cuneese, l’Alessandrino e l’Astigiano. Moderata la criticità, secondo i bollettini emessi ieri dal Centro funzionale dell’Arpa nelle valli Tanaro, Belbo, Bormida e Scrivia, oltre alla pianura cuneese. Livelli ancora superiori nelle zone al confine con la Liguria. Criticità «ordinaria» invece per la parte più settentrionale della Regione, con la neve che potrebbe arrivare a 20 centimetri. Intanto ieri sera dal ministero degli Interni è arrivata anche l’indicazione alla Regione di vietare il transito dei tir.
 
«La macchina della protezione civile è pronta, oggi (ieri, ndr.) abbiamo fatto le verifiche di allertamento - spiega Stefano Bovo, dirigente del settore di protezione civile della Regione - le scuole sono già chiuse per il Carnevale e questo è di grande aiuto a molti sindaci. I problemi potrebbero riguardare la viabilità, anche nei passi verso la Liguria e, in caso di nevicate abbondanti, la distribuzione dell’energia elettrica o la tenuta di edifici malfermi. Noi siamo pronti a intervenire in particolare con generatori e l’assistenza alle persone che dovrebbero rimanere isolate». Una macchina di volontari (circa 15 mila persone) che sono in allerta, dal livello regionale, a quelli provinciali, comunali e locali. «Anche se la prima protezione civile la fa ogni singolo cittadino evitando le situazioni pericolose» commenta Bovo.

«Siamo allertati e pronti a intervenire, vedremo cosa saremo chiamati a fare» spiega Stefano Barassi, della protezione civile del Vco. Anche a Biella il piano anti-neve è pronto. «Dopo aver gettato il sale un po’ ovunque, stiamo monitorando le condizioni meteo - spiega l’assessore Andrea Delmastro e soprattutto le temperature. Considerato che i mezzi spartineve possono essere utilizzati solo se sulla strada si sono depositati diversi centimetri, invitiamo gli automobilisti a munirsi di gomme invernali». A Vercelli pronte 25 «lame» in città con mezzi spargisale, per non tralasciare le vie più strette del centro storico. Tutto domani sarà già finito. A partire dal mattino la neve dovrebbe trasformarsi in pioggia, specie nelle aree settentrionali della regione.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento